Segnalazioni settembre 2018

Scrivete le vostre osservazioni meteo quì.
iceman
Pioggia
Messaggi: 1370
Iscritto il: 23/02/2017, 14:38
Località: Ripa teatina (CH) 202 slm a 5,8 km dal mare
Stato: Non connesso

Re: Segnalazioni settembre 2018

Messaggioda iceman » 02/09/2018, 19:20

chi fosse interessato, tavolini in offerta :D
Allegati
to.jpg
to.jpg (53.97 KiB) Visto 777 volte

paxo
Pioggia
Messaggi: 1205
Iscritto il: 10/10/2016, 15:15
Località: Caramanico Terme (S.Tommaso 550m)
Stato: Non connesso

Re: Segnalazioni settembre 2018

Messaggioda paxo » 02/09/2018, 20:01

iceman ha scritto:
02/09/2018, 19:20
chi fosse interessato, tavolini in offerta :D
A casa tua? :shock:
Qui nuvoloni da nord-est che si sono ammassati sui monti e pioggia debole.

iceman
Pioggia
Messaggi: 1370
Iscritto il: 23/02/2017, 14:38
Località: Ripa teatina (CH) 202 slm a 5,8 km dal mare
Stato: Non connesso

Re: Segnalazioni settembre 2018

Messaggioda iceman » 02/09/2018, 21:26

A casa tua? :shock:
Qui nuvoloni da nord-est che si sono ammassati sui monti e pioggia debole.
[/quote]

No Paxo questa è della grandinata di oggi tra silvi marina e pineto, qui per fortuna siamo stati lisciati.

Avatar utente
gianmarco
Pioggia
Messaggi: 1298
Iscritto il: 08/10/2016, 22:37
Località: PERANO (CH) - 240 m. s.l.m.
Stato: Non connesso

Re: Segnalazioni settembre 2018

Messaggioda gianmarco » 02/09/2018, 21:43

iceman ha scritto:
02/09/2018, 19:20
chi fosse interessato, tavolini in offerta :D
In che zona è successo ?

Avatar utente
gianmarco
Pioggia
Messaggi: 1298
Iscritto il: 08/10/2016, 22:37
Località: PERANO (CH) - 240 m. s.l.m.
Stato: Non connesso

Re: Segnalazioni settembre 2018

Messaggioda gianmarco » 02/09/2018, 21:43

gianmarco ha scritto:
02/09/2018, 21:43
iceman ha scritto:
02/09/2018, 19:20
chi fosse interessato, tavolini in offerta :D
Impressionante

iceman
Pioggia
Messaggi: 1370
Iscritto il: 23/02/2017, 14:38
Località: Ripa teatina (CH) 202 slm a 5,8 km dal mare
Stato: Non connesso

Re: Segnalazioni settembre 2018

Messaggioda iceman » 02/09/2018, 22:04

In che zona è successo ?
[/quote]

Tra Silvi marina e Pineto Gianmarco, si davvero impressionante!!

Aggiungo questa
Allegati
7A5BBC91-0DD5-4B3F-9906-76E6C371953B.jpeg
7A5BBC91-0DD5-4B3F-9906-76E6C371953B.jpeg (91.79 KiB) Visto 755 volte
Ultima modifica di iceman il 02/09/2018, 22:11, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
gianmarco
Pioggia
Messaggi: 1298
Iscritto il: 08/10/2016, 22:37
Località: PERANO (CH) - 240 m. s.l.m.
Stato: Non connesso

Re: Segnalazioni settembre 2018

Messaggioda gianmarco » 02/09/2018, 22:08

Invece a Perano neanche ha piovuto oggi

Nevizio
Moderatore
Messaggi: 1020
Iscritto il: 10/10/2016, 22:41
Stato: Non connesso

Re: Segnalazioni settembre 2018

Messaggioda Nevizio » 03/09/2018, 20:30

2 mm qui ieri, presi di striscio, a Citta' Sant'Angelo dove lavoro nubifragio invece, pochi km piu' a nord l'apocalisse che avete postato,era una situazione potenzialmente a rischio e infatti non ha deluso le attese....mo vallo a dire alle persone comuni non appassionate che è una situazione di questo tipo come quella di ieri e l'altro ieri poteva creare problemi come quelli avuti ieri a Silvi e Pineto solo in aree assai limitate difficilissime se non impossibili da stabilire...per via della natura dei fenomeni previsti,cioe' convettivi che di solito presentano il conto in maniera così "hollywoodiana" in un brevissimo raggio.L'interessante ora è capire quali fattori concorrono all'attivazione di quelle dinamiche favorevoli all'avvento di questo tipo di situazioni,personalmente è lo studio che in questi ultimi tempi sto portando avanti cercando i precursori ai quali si puo' affidare la responsabilita' diretta per lo sviluppo di tali eventi,molti sono noti altri a mio modo di vedere ancora la scienza in materia non riesce ad attribuire una stretta correlazione, io cerco propio questi.

iceman
Pioggia
Messaggi: 1370
Iscritto il: 23/02/2017, 14:38
Località: Ripa teatina (CH) 202 slm a 5,8 km dal mare
Stato: Non connesso

Re: Segnalazioni settembre 2018

Messaggioda iceman » 03/09/2018, 23:48

Nevizio ha scritto:
03/09/2018, 20:30
2 mm qui ieri, presi di striscio, a Citta' Sant'Angelo dove lavoro nubifragio invece, pochi km piu' a nord l'apocalisse che avete postato,era una situazione potenzialmente a rischio e infatti non ha deluso le attese....mo vallo a dire alle persone comuni non appassionate che è una situazione di questo tipo come quella di ieri e l'altro ieri poteva creare problemi come quelli avuti ieri a Silvi e Pineto solo in aree assai limitate difficilissime se non impossibili da stabilire...per via della natura dei fenomeni previsti,cioe' convettivi che di solito presentano il conto in maniera così "hollywoodiana" in un brevissimo raggio.L'interessante ora è capire quali fattori concorrono all'attivazione di quelle dinamiche favorevoli all'avvento di questo tipo di situazioni,personalmente è lo studio che in questi ultimi tempi sto portando avanti cercando i precursori ai quali si puo' affidare la responsabilita' diretta per lo sviluppo di tali eventi,molti sono noti altri a mio modo di vedere ancora la scienza in materia non riesce ad attribuire una stretta correlazione, io cerco propio questi.
Secondo me Nevizio fenomeni di questo tipo si hanno in presenza di aria molto fresca a 500 hpa, e di aria invece ancora calda a 850 hpa!! Maggiore è la differenza tra questi 2, maggiore è la possibilità di avere fenomeni di questo genere!!

L’ afflusso di tanta aria fredda a 500 hpa secondo me è fondamentale, non a caso durante le grandinate la temperatura scende anche a 14/15 gradi in piena estate, cosa fattibile soltanto attraverso lo scaricamento di aria fredda dalle alte quote al suolo.

Temperatura ancora alta a 850 hpa, in modo che avremo una temperatura di partenza molto alta, difficile ci siano grandinate di questo genere se la temperatura di partenza è gia bassa, fenomeni di questo genere avvengono dopo mattinate abbastanza calde ed umide, ovviamente anche il vento rivestirà la sua importanza!!

Ho espresso il mio umile parere da ignorante in materia

Saluti

Nevizio
Moderatore
Messaggi: 1020
Iscritto il: 10/10/2016, 22:41
Stato: Non connesso

Re: Segnalazioni settembre 2018

Messaggioda Nevizio » 04/09/2018, 2:39

E invece ti posso dire dati alla mano che il gradiente termico verticale fortemente negativo che si instaura dalle quote prossime al suolo sino all'altezza gpt 850 hPa è fondamentale per l'avvento dei fenomeni convettivi di una certa intensita' sopratutto di natura frontale,potendo persino trascurare cio' che viene al di sopra di tale stato d'aria, pensa che lo studio che ho effettuato io mi ha dato "udite udite" persino dei valori di riferimento entro i quali almeno nella mia zona si ha sicuramente avvento d'instabilita' ve li mostro in anteprima:
Dopo 6 mesi di meticoloso e costante studio posso affermare dati alla mano che quando durante un passaggio frontale (ovviamente in assenza di compressione adiabatica indotta da vento di caduta/Libeccio nella fattispecie o garbino se vi piace di piu') la temperatura a 850 hPa decresce di una valore maggiore ho uguale a -0,5° ogni ora (-0,5° è considerato come costante nell'arco temporale in considerazione) quindi di -3.0° ogni 6 ore (ma basta persino che tale calo termico avvenga alla quota in considerazione persino solo all'inizio dell'incursione) sicuramente si ha almeno nella mia zona forte instabilita' per chi volesse posso corredare senza problemi tale tesi con dati estrapolati dai modelli fisico matematici in relazione poi ad ad eventi effettivamente accaduti (di natura convettiva è ovvio) lo step successivo di tale studio è relativo invece alla quantita' di radiazione solare assorbita nell'immediato prima di un passaggio frontale ma di quest'ultimo non dispongo di dati in quanto non ho in dotazione un sensore analogo (prossimissimo acquisto) infatti il progetto è allo stato embrionale ma ho il sentore che la relazione o meglio il rapporto che intercorre tra questi 2 fattori possa essere coinvolto nell'avvento di situazioni simili a quella di ieri.Mi sono posto come target dello studio di far rientrare in certi valori estrapolati dall'uno e dall'altro aspetto il fenomeno convettivo intenso la ricerca quindi di una sorta di precursore,se dobbiamo ragionare con metodo scientifico allora non possiamo che porci come obiettivi creare un qualcosa che possa impachettare a livello numerico l'avvento di fenomeni convettivi particolarmente forti al fine di prevenire situazioni non troppo simpatiche come quelle di ieri.Non solo,l'instaurarsi del forte gradiente termico verticale nei primissimi strati atmosferici quindi dal suolo sino all'altezza gpt di 850 hPa ho il sentore che possa oltre far ascendere come un coefficiente di velocita' altissimo il vapore acqueo contenuto nello strato in considerazione ma anche il carico elettromagnetico assorbito dal suolo per via di una ipotetica forte radiazione solare avvenuta nel prima del passaggio frontale il che si tramuta in energia "utilizzabile" dalla nube temporalesca allo stato embrionale, ritengo (ma ci sto lavorando o meglio lo sto studiando prorio in questi giorni) che maggiormente sia negativo il gradiente termico verticale dal suolo sino all'altezza della basi nubi maggiore sia la velocita' di ascesa di tutto cio' che puo' essere fatto ascendere (carico elettromagnetico incluso),e maggiore è la quantita' (in un'arco di tempo prestabilito) che entra poi nella nube temporalesca che poi viene rispedito al suolo sotto forma di idrometeore e non solo.Di queste e altre cose sto approfondendo i miei studi ma per i step successivi (che mi sono prefissato) ho bisogno di 2 strumenti fondamentali che al momento non mi posso permettere di acquistare cioe' piranometro e nefoipsometro percui al momento tutto cioe' che dovrebbe essere l'evoluzione e il completamento di questo progetto rimane (al momento) solo a livello teorico......ma sto anche cercando metodi che possano svolgere le medesime funzioni in maniera indiretta e qui mi fermo perchè ho scritto davvero tanto troppo. :shock:


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti